Seleziona una pagina

La mia storia

 

Vi racconto la mia storia professionale.

Ho iniziato a lavorare all’età di 15 anni, part-time, nei weekend, un pò come aiuto cameriere e un pò come lucidatore auto in carrozzeria per intenderci.
Si mi piaceva lavorare, più che stare a scuola, perché mi piace avere fra le mani i soldi guadagnati. Ma non mi fraintendete, penso che il denaro sia solo un mezzo, che ci permette di assaporare la libertà. Si grazie a quei soldi, potevo scegliere dove spenderli, cosa comprare ma anche dove investirli.

Nella mia famiglia numerosa scarseggiava di finanze, anche se erano gli anni ’80 si faticava a trovare spazio e risorse.
Sono andato via di casa all’età di 21 anni, per abitare da solo. Lavoravo in settimana e nel weekend la mia ragazza veniva a trovarmi, gestivo la mia vita, le mie finanze, la mia libertà.

Ho vissuto i miei primi 23 anni in un paesino del Piemonte, in mezzo alle vigne e ai tartufi, con tanti amici d’infanzia.
Dopo aver lavorato per lunghi anni ho deciso di cambiare, di andare via, e così mi sono trasferito in Romagna, in un paese lungo la via Emilia. Ho trovato subito lavoro, come magazziniere in un’azienda meccanica.
Ho lavorato più di 7 anni, e in quel contesto ho capito delle mie caratteristiche importanti dal punto di vista professionale: essere portato a ruoli di responsabilità, e la gestione ottimizzata dei processi di lavoro. Gestivo nello specifico un magazzino da circa 2000 mq di scansie alte 5 metri e un magazzino verticale da 50 vassoi da 500 kg di carico ciascuno, tutto quanto gestito tramite software ed excel. C’erano la bellezza di 6000 articoli diversi e in certi periodo si lavorava duro, anche 10/11 ore per evadere le commesse.

In quegli anni ho fatto anche un acquisto importantissimo: la mia prima fotocamera digitale Sony.
Era una CyberShot ultracompatta, in grado di registrare video in Full HD. Non male per essere quasi 15 anni fa. Fu amore a prima vista con il mondo digitale.

Fin da bambino, in casa con i miei fratelli, solo due cose non mancavano mai: l’arte della pittura, mia mamma, e la tecnologia dei computer, mio papà. Non andavamo in vacanza o al ristorante, di soldi ce n’erano pochi, ma il computer in casa c’è sempre stato, come anche i quadri.
Cosa poteva mai venire fuori da questa strana combinazione?

Tornando al mio primo amore digitale, ho iniziato con la Sony a sperimentare le prime attività di foto e videoriprese, e l’editing utilizzando photoshop.
Nel frattempo continuavo a lavorare come responsabile del magazzino, e per motivi sentimentali mi sono trasferito sulla riviera romagnola, dove, dopo qualche tempo, sono nati i miei due splendidi figli. Proprio loro sono stati i primissimi soggetti dei miei studi sul videoediting.

Ho lavorato per altri 5 anni in un’azienda occupandomi della gestione del magazzino, e disegno al Cad, come al solito mettevo le mie conoscenze e capacità digitali a servizio del mio datore di lavoro, ma non mi bastava.

Immagino che sapete bene anche voi che nella vita ci sono eventi del tutto inaspettati, imprevedibili ma che sono in grado di cambiare il modo di vedere le cose. A me è successo questo: ero in moto e tornavo da lavoro, d’estate, avevo da poco fatto il mio primo ordine su Amazon, una telecamera per la moto, e non vedevo l’ora di fare qualche nuovo esperimento, durante i miei viaggi in moto, ma non fu così. Proprio tornando a casa mi sono ritrovato un furgone in mezzo alla strada, ha sterzato improvvisamente e io nemmeno il tempo di frenare, mi sono visto tutta la vita davanti e…sbam! Incidente frontale, sono volato per aria e ritrovato seduto sulla strada, la moto a terra.

Per grazia di Dio, dopo il ricovero in ospedale e svariati controlli, i medici mi trovano una lesione al ginocchio destro, piatto tibiale, e una lesione al crociato sinistro, prognosi di 4 mesi a riposo.
Le prime settimane sono state davvero difficili, non avevo voglia di far niente, ma poi..
Arriva il giorno dell’illuminazione, dopo aver visto il famoso film “7 anni in Tibet” la storia di un popolo schiacciato e oppresso, ma che mai ha perso la sua profonda spiritualità. Una storia commovente che mi ha saputo motivare, ho iniziato così a pormi degli obiettivi, a studiare e a lavorare intensamente sul montaggio video professionale. Guardavo i tutorial su internet e li applicavo, leggevo i manuali e sperimentavo.

Passati i mesi di infortunio sono tornato al lavoro, e così di giorno lavoravo e di notte studiavo, avevo già i miei due figli e proprio loro furono il mio primissimo soggetto: il film del loro primo anno di vita, formato da una lunga raccolta di foto e video. Ho sperimentato così per la prima volta come si fondono assieme i 3 elementi fondamentali dell’audiovisivo: il video, l’audio e la grafica.

Nel periodo di infortunio ho fatto anche un’ulteriore scoperta importantissima: pilotaggio droni.
Si ho iniziato proprio in quel periodo a pilotare il primo drone, quasi un giocattolo, poco dopo ne ho acquistato un altro, usato ma con caratteristiche professionali.
Con il passare dei mesi il mio studio andava avanti, e ho iniziato così a lavorare di videoediting anche le riprese fatte con il drone, ho unito le due cose e sviluppato grandi conoscenze dei software per il montaggio video quali Premiere Pro e After Effect.

Grazie a una dieta alimentare perfettamente bilanciata riuscivo a lavorare di giorno e studiare di notte, dormendo soltanto 4 ore. Il tempo mi serviva per approfondire i tutorial e i corsi online sulla videoproduzione, ma tutto questo ancora non mi bastava.

La mia conoscenza digitale cresceva, ho così iniziato a interessarmi al mondo dei siti web utilizzando WordPress, piattaforme on line e social media, parliamo di YouTube, Facebook, Vimeo, Instagram integrando uno studio approfondito sull’avvento dei primi smartphone.
La possibilità di condivisione di materiale audiovisivo cresceva enormemente. E io di notte studiavo e approfondivo l’argomento.

Passarono alcuni mesi quando mi si presenta l’occasione di mettere in pratica tutto questo: un’importante azienda di marketing cercava un montatore video alle prime esperienze. Ho iniziato così a lavorare a tempo pieno in questo mondo, montavo i video commerciali quali televendite e spot. Ho iniziato così a imparare a gestire le scadenze, le consegne e il rispetto dei tempi, fondamentale per questo tipo di lavoro.

Sono passati così più di 4 anni in questa realtà, ma ancora una volta non mi bastava.
Negli anni ho imparato a gestire i contatti, la posta aziendale con circa 100 mail al giorno da controllare, ma soprattutto a conoscere in prima persona i piccoli segreti del marketing, nella vita reale, lavorando e migliorando ogni giorno fino ad arrivare a scoprire un altro grande amore professionale: il digital marketing, la capacità di rendere un prodotto interessante utilizzando i soli mezzi digitali.

Ho capito che ci vuole un metodo per avere successo in questo mondo, si deve iniziare da un’attenta analisi del prodotto o servizio, e tirare fuori le migliori qualità su cui puntare, e rendere ben visibile al giusto pubblico, sembra facile vero? Ma non è così, ci vuole molto lavoro e studio.

Ora sono libero professionista, esperto in riprese aeree e montaggio video, con esperienza maturata nel digital marketing da oltre 5 anni.

E volete sapere qual’è la mia prossima sfida? Seguitemi e lo scopriremo assieme